Nuove Piramidi Scoperte Grazie A Google Earth

Siamo abituati alle cose incredibili viste grazie a Google Earth, non mancano certo le stranezze (ti invito a leggere l’articolo sulle 10 cose più strane viste su Google Earth), ma anche le scoperte. L’incredibile scoperta di queste nuove piramidi si deve all’archeologa satellitare  Angela Micol proprio grazie all’ausilio di Google Earth. Le nuove piramidi sono ubicati in due diversi siti archeologici, il primo dei quali, vicino all’oasi di Fayoum, contiene una piramide a quattro lati di circa 45 metri di lunghezza e altre tre piramidi minori organizzate lungo un’asse diagonale, allineate proprio come le piramidi di Giza.

Tre Nuove Piramidi: Google Earth Come Indiana Jones

Il secondo sito, è situato lungo il Nilo, a 20 chilometri dalla città di Abu Sidhum (a circa 150 chilometri di distanza dal primo). Qui sarebbero concentrati diversi tumuli allineati e una gigantesca piramide a base triangolare con un lato di 190 mentri. Se fosse confermato che si tratta proprio di una piramide sarebbe circa il triplo della Piramide di Cheope.

Il riconoscimento per entrambi i siti non è facile, poiché la sommità è stata erosa dal tempo, ma l’archeologa americana non ha dubbi:

Le immagini parlano da sole. È ovvio cosa contengono i siti, ma è necessaria della ricerca sul campo per verificare che si tratti, veramente, di piramidi e bisogna raccogliere campioni per studiarne le origini. Ho il presentimento che ci sia molto di più in questi siti di quanto si possa vedere e con l’utilizzo di immagini agli infrarossi sarò possible capire la vera estensione di questi siti.

Google Earth anche di ausilio per gli archeologi, l’utilità dei servizi di Google sembra proprio non avere alcun limite, che ci siano altri servizi a cui non si era pensato? Fateci sapere nei commenti per quali scopi pensate che potrebbe essere utilizzato.

© 2008 Ziogeek.com

Tag:

Be Sociable, Share!